Maurizio Campisi
Pelle di serpente
Lo sfruttamento infinito dell’America Latina e delle sue risorse

-15%
15,00 €12,75 € (15% di sconto sul prezzo di copertina)
Pelle di serpente

Questo non è un libro che voglia farsi degli amici, è un libro senza sconti. Nel suo ritratto delle dinamiche politiche, sociali e economiche che affliggono l’America Latina non tenta di nascondere le profonde delusioni e amarezze a cui finisce per essere costretto un lettore sensibile.
Descrive fatti che sconvolgono un intero continente, distruggendo l’ambiente e i rapporti sociali, sconquassando la società e impoverendo gli individui; fatti che possono essere interpretati nell’ambito di un’America Latina che è avanguardia e laboratorio di un rinnovato sfruttamento dei suoi uomini e delle sue risorse, e che anticipando la crisi dell’Europa ne fanno presagire anche gli esiti nefasti.

Maurizio Campisi, (Rivoli, 1962), giornalista, è stato collaboratore di varie riviste italiane e straniere (Diario, Narcomafie, D di Repubblica, Peacereporter, La Juventud di Montevideo, Liberación e altre). Free lance, attualmente è corrispondente dall’America Centrale per la Radio Televisione Svizzera. Ha pubblicato tre libri: Centroamerica – Reportages, SandinoIl generale degli uomini liberi e La lucida follia di Sendero Luminoso, rivoluzione e terrore sulle Ande Peruviane. Vive in Costa Rica.

PellediSerpenteVitaDioc030

America Latina terra del futuro,intervista a Maurizio Campisi

LUNANUOV083G1Q_007

One thought on “Maurizio Campisi
Pelle di serpente
Lo sfruttamento infinito dell’America Latina e delle sue risorse

  1. Jefferson

    I’ve been exploring for a little for any high quality articles or blog posts
    in this sort of space . Exploring in Yahoo I finally stumbled upon this site.
    Reading this info So i am happy to express
    that I’ve a very just right uncanny feeling I came upon exactly what I needed.
    I most indubitably will make sure to don?t put out of your mind this website and provides it a glance on a constant basis.

    Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You can add images to your comment by clicking here.