traduzione

Perché la vostra traduzione potrebbe non interessarci…

… e, aggiungiamo, quasi certamente non ci interesserà.

Abbiamo già parlato in dettaglio della ragione per la quale la vostra tesi non è un saggio e non siamo interessati a pubblicarla. Poiché tuttavia, molti studenti si laureano in lingue e letterature straniere, occorre aggiungere una postilla: perché la vostra traduzione del celeberrimo romanzo più o meno conosciuto del celeberrimo scrittore ugandese (nepalese, azeibargiano, inuit, o qualsiasi altra lingua abbia utilizzato per la sua opera) non può interessarci.

Siamo certi che l’opera che avete tradotto sia intessante. Siamo altrettanto certi che la vostra traduzione è perfetta, anzi, un capolavoro. Ma proprio non possiamo pubblicarla.

La ragione è molto semplice: non abbiamo i diritti per farlo. E neppure voi avete i diritti per proporla. La vostra traduzione, finché resta nell’ambito della vostra passione privata o in quello didattico accademico, è giustificata. Ma per diventare un oggetto editoriale deve rispettare quella materia sconosciuta e ignorata che si chiama diritto d’autore.

VI segnaliamo alcuni approfondimenti sul tema:

I diritti editoriali, questi sconosciuti

Autopubblicare una traduzione: i diritti d’autore

e in particolare, solo dopo che avrete letto attentamente gli articoli precedenti, date una pacata lettura a questo utilissimo articolo, che vi spiega come fare per poter tradurre legittimamente un libro altrui e proporlo eventualmente a una casa editrice:

Come fare una proposta editoriale

Vi riproponiamo un passaggio di quest’ultimo articolo, certi che tanto non leggerete tutto il testo, dove invece trovereste molte utili, anzi utilissime indicazioni.

Per sapere se un libro è già stato tradotto, si può cercare la bibliografia dell’autore nel catalogo nazionale delle biblioteche italiane. Se il libro è già stato pubblicato, verosimilmente lì lo troveremo. Tuttavia, se un libro non è presente, soprattutto se è uscito da poco, non è detto che qualche casa editrice non l’abbia già comprato e dato in traduzione.
Se il libro non è presente sul catalogo, l’unico modo per essere sicuri che i diritti del libro siano ancora liberi è scrivere o telefonare alla casa editrice del testo in lingua originale.

Perché la vostra traduzione potrebbe non interessarci…

Sirene e Ulisse anforaContme ’n pò, tuora dle bele stòrie,
ëd col òm voajant dal servel aùss
che dòp d’avèj fàit ravage dle tor
ëd Truva, dòp d’avèj girà sità,

conossù la ment e ’l patì dla gent
ant le burie d’eva ’d mar e ro ’d sol,
tut a l’ha arzigà për porté ghirba a ca,
sia la soa che dij sòcio ’d mar,
ma a l’ha nen varì né giugà sò suf,

che lor, mach për lor, gran gadan, son mòrt
për ësbefié costume e tradission
ant ël mangé ij beu dël Sol Iperion
tant da feje vnì ’l dent anvelenà
e ’n paga tribuleje a la mòrt.

L’uscita in libreria è prevista per il mese di ottobre, e qualcuno dei nostri lettori, specialmente quelli che quando aprono le proprie finestre ammirano il panorama delle Alpi Occidentali e che in quelle terre sono nati, dopo un momento di incertezza, se hanno letto attentamente, stanno sobbalzando. Sì, avete letto bene. Un traduttore d’eccezione per un’opera d’eccezione. L’Odissea in piemontese tradotta dal grande Carlo Porta.

Cerea

Anticipazioni d’estate