Filippo Fiandrotti
Golpe all’italiana
Per una via neokeynesiana alla globalizzazione

15,00 €

pagine 192

Cosa è accaduto veramente tra il 1992 ed oggi? Chi veramente ne ha beneficiato e quali possono esserne i futuri sviluppi per gli assetti di potere in Italia? L’autore, sviluppando ulteriormente concetti e categorie da egli stesso già introdotte nel dibattito politico (costituzione materiale; pensiero debole e pensiero forte; trasformismo positivo; Termidoro italiano, ed altri), analizza con linguaggio chiaro e scorrevole, sotto il profilo storico, politico, economico, costituzionale e filosofico la contraddittoria vicenda italiana messa in questione da Tangentopoli ed avviata verso esiti imprevisti dai suoi autori e tuttora gravida di rischi per la democrazia nel nostro Paese.

Filippo Fiandrotti, avvocato, deputato dal 1979 al 1992, è sempre appartenuto alla Sinistra Socialista ed è stato il punto di riferimento del PSI per i rapporti internazionali con i movimenti antifascisti e socialisti di Spagna, Grecia, Portogallo, Cile, Argentina, Uruguay, Perù, Brasile. Ha fondato, nel 1996, il Partito della Rifondazione Socialista.

Con una prefazione di Francesco De Martino

Lascia un commento