Andrea Serra
La religione dell’euforia
In edizione speciale per ipovedenti

15,00 €

€ 15.00


Il Carrello è vuoto (0)


Edizione speciale in grandi caratteri, corpo 18, bastone, in grande formato su carta opaca ad elevato contrasto. Edizione speciale per lettori ipovedenti e dislessici.

La società occidentale vive ormai una crisi secolare. Dalla modernità risuona ancora la sentenza di Nietzsche che proclama la morte di Dio e dei valori cristiani, colpevoli di averci fatto dimenticare la vita terrena per un altrove illusorio e fittizio. Così abbiamo abbandonato il cristianesimo e abbiamo scelto di godere la vita. Ma in che modo? Secondo i dettami -o meglio- i riti e i formulari della ragione scientifica e tecnologica che ci insegna a dedicarci al piacere e alla felicità, intesi come euforia perenne dell’Io solitario e spettatore. La nostra civiltà ci dice che la vita deve essere euforica, a tutti i costi e in tutti i modi, ma così facendo lascia scoperto un vuoto abissale perché non insegna più il linguaggio dei simboli e la natura della gioia e del piacere e – dall’altra parte – del dolore e della morte; anzi invita a rimuoverli e a fuggirli. Ma la religione e la filosofia hanno la funzione di istruire l’uomo sui misteri dell’esistenza. Certo, non si può e non si deve tornare indietro in un paradiso dell’innocenza che non è mai esistito; e la scienza e la tecnica non devono essere condannate in se stesse. È la loro assolutizzazione che denuncia un grave squilibrio. Siamo coscienti del culto dell’Euforia a cui siamo quotidianamente sottoposti?

Andrea Serra si è laureato in Filosofia della Religione presso l’Università di Torino dove svolge attualmente il dottorato di ricerca in Filosofia ed Ermeneutica filosofica. Ha pubblicato Esistenza e dialogo. Gabriel Marcel e l’Italia (Marcovalerio Editore, Torino 2005).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You can add images to your comment by clicking here.