Catalogo ipovedenti scaricabile

Gratuito

€ 0.00 – DIGITAL DELIVERY


Il Carrello è vuoto (0)


Vengono definite secondo gli standard internazionali edizioni a grandi caratteri le pubblicazioni librarie in corpo tipografico non inferiore a 18 punti tipografici. e carattere bastone privo di grazie.

Si tratta di pubblicazioni speciali, realizzate per lettori ipovedenti, con un visus particolarmente ridotto e con caratteristiche di impaginazione specifiche: spazi maggiorati fra le singole parole e fra le singole lettere, elevato contrasto dell’inchiostro sulla pagina, stampa su carta avoriata per ridurre fastidiosi riflessi.

La diffusione delle edizioni a grandi caratteri è limitata, poiché riguarda un pubblico potenziale di lettori di nicchia, ma, a causa dell’invecchiamento della popolazione, in crescita.
Negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei queste edizioni sono diffuse, mentre in Italia il catalogo delle pubblicazioni è ancora ridotto.
Non costituiva, però una novità, in quanto era tradizionale la pubblicazione di libri di preghiere destinate a persone anziane, caratterizzati dai caratteri molto grandi.
Storicamente, i libri a grandi caratteri sono stati realizzati in Gran Bretagna nel 1964, quando Frederick Thorpe, un distributore librario in pensione decise di ristampare in anastatica vecchie edizioni di classici della letteratura anglosassone in formato doppio rispetto all’originale. A partire dal 1969, il progetto si trasformò in un’impresa editoriale effettiva, attraverso la Fondazione Ulverscroft. L’avvio in Italia avviene negli Anni Settanta, ad opera di Edizioni Grandi Lettere, una casa editrice milanese ora scomparsa.
Marcovalerio Edizioni pubblica dal 2000 la collana LIBERI CORPO 18, dedicata in particolare ai classici e ai testi per la scuola, anche con testi in lingua inglese e francese, e che conta oggi il più ampio catalogo europeo per questo tipo di pubblicazioni. Le pubblicazioni a grandi caratteri di Marcovalerio Edizioni sono attualmente le uniche a livello italiano conformi agli standard di accessibilità.
 
Alcuni link utili:
Le edizioni a grandi lettere per la cura della dislessia
Una delle applicazioni più recenti delle edizioni a lettura facilitata, che affianca e integra l’intento principale di rendere accessibile la cultura agli ipovedenti, è l’impiego di questi libri per affrontare i problemi di dislessia in età scolastica.
Non di rado, in realtà, i problemi di dislessia sono comunque causati da deficit visivi, che affaticando nel fanciullo l’attività del leggere, tendono a fargli rifiutare o ad applicarsi di malavoglia, provocando come effetto una dislessia che in realtà non è ce un ritardo nel processo di apprendimento.
Tuttavia, anche nel caso di dislessie originarie, l’eliminazione di ostacoli e la riduzione dell’affaticamento e della concentrazione necessaria ad affrontare la lettura con i testi in corpo tradizionale ha dimostrato di favorire inattesi risultati positivi.
Il catalogo in corpo 18 delle Edizioni Marcovalerio contiene innumerevoli testi di ordinario impiego scolastico e molti titoli rivolti ai fanciulli. Libri di avventure e fiabe che possono essere letti con facilità, grazie agli accorgimenti tipografici messi in atto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You can add images to your comment by clicking here.